Senza categoria

On Stage: Road Movie, nel movimento c’è la vita @Teatro Elfo Puccini

Road movie, in scena al teatro Elfo Puccini dal 27 marzo al 9 aprile, è una storia che ha come protagonisti l’amore e la perdita, la vita e la morte. Più simili di quanto pensiamo, queste esperienze ci permettono di crescere, affrontare la paura e superarla.

On Stage: Road Movie, nel movimento c'è la vita @Teatro Elfo Puccini

Nel panorama dell’America degli anni novanta, terrorizzata dalla piaga dell’HIV, Joel è alla costante ricerca di qualcuno che lo ami e, allo stesso tempo, ha paura di lasciarsi amare. Scott irrompe nella sua vita per caso; suo opposto, è ottimista, aperto al mondo e all’amore. Insieme a lui, Joel si sente al sicuro, amato, ma questo non basta a farlo restare; forse è proprio quello che lo porta a fuggire. È anche ciò che lo spinge a muoversi, a tornare: Joel intraprenderà un viaggio attraverso l’America per rincontrare Scott.

Sul suo cammino, incontrerà personaggi diversi, impegnati nella loro battaglia privata contro il dolore causato dalla perdita di una persona amata. Ognuno di essi gli darà qualcosa su cui riflettere e, forse inconsapevolmente, lo aiuterà ad avvicinarsi alle persone e a sconfiggere la paura che prova.

Angelo Di Genio offre una travolgente interpretazione, che riesce a toccare profondamente lo spettatore. Accompagnato dalla musica splendidamente eseguita del pianoforte e del violoncello, rende suo il monologo di Godfrey Hamilton, restituendolo al pubblico senza riserve. Ogni personaggio che porta sul palcoscenico è autentico e vivo, con una storia in grado di far riflettere, commuovere, ma anche suscitare ironia e far ridere.

Lo spettacolo ha come scopo ultimo quello di sensibilizzare lo spettatore sulla malattia dell’HIV/AIDS. Questo tema può sembrare appartenere al passato, ma è una realtà presente ancora oggi. Road Movie, in collaborazione con la LILA (la lega per la lotta all’AIDS) promuove il tema della prevenzione, soprattutto tra i giovani. Ciò è stato presentato senza tabù e censure, dando vita a uno spettacolo incisivo e intenso. Di Godfrey Hamilton, traduzione Gian Maria Cervo, regia Sandro Mabellini, con Angelo Di Genio, pianoforte e violoncello Antony Kevin Montanari, produzione Teatro dell’Elfo.

a cura di Raffaella Mottana

Associazione Vox

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto