Senza categoria

Luca Carboni @ Teatro degli Arcimboldi (Milano)

Lunedì 5 dicembre, al Teatro degli Arcimboldi si è tenuto uno degli ultimi quattro appuntamenti speciali del Pop Up Tour 2016 di Luca Carboni, che ha visto avere sul palco, insieme al cantante bolognese, Tommaso Paradiso, leader dei Thegiornalisti, e Alessandro Raina. I due musicisti hanno collaborato alla stesura delle hit del disco Luca lo stesso e Bologna è una Regola.

Dopo esserci fatti strada tra la fitta nebbia di Greco Pirelli – quella nebbia tipica, tanto decantata da Renato Pozzetto – ci siamo buttati nel caldo dell’Arcimboldi. In attesa dello scoccare dell’ora x, il pubblico è intrattenuto da un deejay in pieno stile RTL, ahimè.

Appena le luci si spengono, al suono robotico di una voce che ripete “Il futuro è stasera”, i musicisti salgono sul palco vestiti da astronauti e, posizionandosi al centro su una pedana rotonda rialzata, Carboni parte subito con Happy. Occhiali da sole e giubbino da giovincello. Antonellone Nazionale sarebbe stato sicuramente fiero di te, Luca.

I brani si susseguono uno dopo l’altro e, ogni tre pezzi, Carboni si ferma per incitare, ringraziare e dialogare con il pubblico. Ogni canzone è accompagnata da uno schermo, alle spalle della band, che mostra diverse animazioni. Unica grande delusione, un tentativo fallito di creare visual innovative.
Ma a parte questo, il tuffo nel pop anni 80 non dispiace affatto. Sul palco insieme a lui si alternano tre ospiti: per “Il mio cuore fa ciock” sale sul palco Squalo Iaco, per “Bologna è una regola” Alessandro Raina e, infine, per “Luca lo stesso” Tommaso. Da scatenati fan della scena indie italiana, il momento del duetto con Tommy lo abbiamo atteso intensamente. E non ci hanno deluso.

Carboni va avanti, senza mai un segno di stanchezza. Canta e balla sul palco. L’aforisma di George Santayana “A me sembra un oltraggio terribile avere un’anima controllata dalla geografia” anticipa “Inno Nazionale”, seguita da “10 minuti” e la hit indiscussa “Ci vuole un fisico bestiale” che ha fatto alzare tutto il pubblico – anche i più attempati – della platea, andandosi ad ammassare sotto il palco con urla e salti.
Dopo il rientro sul palco, conclude con “O è Natale tutti i giorni” – cover italiana degli Extreme, “Fragole buone buone” e “Vieni a vivere con me”. Se ne va con un “Auguri a Milano e auguri al nostro Paese, visto il momento che stiamo vivendo”.

Gli altri tre appuntamenti del Pop Up Tour si terranno l’8 dicembre a Bologna al Teatro Europauditorium, il 12 dicembre a Roma all’Auditorium Parco della Musica e infine , il 16 dicembre a Bari al Teatro Team. Nella data di Bologna, insieme ad Alessandro Raina, saliranno sul palco con Carboni anche Manuele Fusaroli, che ha co-firmato Milano, e Calcutta.

SET LIST: Happy / I ragazzi che si amano / Virtuale / Chicchi di grano / Dio in cosa crede/ Sarà un uomo / Invincibili / Chiedo scusa / La nostra strada / Solarium / Milano / Il mio cuore fa ciock / Silvia lo sai / Farfallina / Bologna è una regola / Inno nazionale / Mare mare / Luca lo stesso / 10 minuti / Ci vuole un fisico bestiale / O è Natale tutti i giorni / Fragole buone buone / Vieni a vivere con me

A cura di Stefania Fausto

Associazione Vox

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto