Senza categoria

ANGELI PER UN GIORNO

A cura di Pietro Mori

Da un po’ di giorni ho notato che con l’avvicinarsi del Natale, si sprecano gli articoli sul volontariato in giro per il web e non solo sulle piccole testate, facendo smuovere in me la fatidica domanda: ma io per gli altri cosa cacchio faccio? Sono l’unico dei miei amici che non si occupa di volontariato o simili? Dopo un rapido sondaggio, ho notato che in fondo ragazzi che fanno volontariato ce ne sono, e per giunta parecchi. Ottimo (rimuginando con un po’ di sana invidia), non avrò problemi ad intervistare qualcuno e forse ho trovato un buon proposito per l’anno nuovo (non che ne manchino).

Incontro quindi Michele, un mio ex compagno di corso, che ben felice di condividere la sua esperienza, presso la associazione Angeli per un giorno.

Ciao Michele, ci racconti qualcosa di te, che mi è sfuggita in questi anni di corso assieme?

[Ridendo] Beh tolto quello che già sai dell’Università, dopo la magistrale ho deciso di frequentare la laurea specialistica con profilo finanziario sempre in Cattolica e mi divido tra quelli che penso siano i comuni impegni dei ragazzi della nostra età come amici, palestra e da circa un anno volontariato. Ho iniziato perché penso sia un’opportunità. Ritengo che alla nostra età non ci sia cosa più bella che trovare del tempo per dedicarsi anche agli altri. Un’opportunità dunque da cogliere per crescere come persone e per arricchire sé stessi al di là di quello che ognuno di noi fa tra i banchi di scuola, università o dietro la propria scrivania in ufficio.

Cosa ti spinge a dedicare parte del tuo tempo ad aiutare gli altri tramite il volontariato?

E’ difficile trovare una vera motivazione o meglio, una motivazione specifica, parlando della mia situazione, ho deciso di far volontariato perché senti di poter fare qualcosa per gli altri. Ecco, se vogliamo parlare in termini pragmatici penso che la principale motivazione sia quella di “fare qualcosa per quanti sono meno fortunati di noi” e nel caso dell’associazione di cui faccio parte, “AngeliPerUnGiorno” (https://www.angeliperungiorno.it/ ), il nostro “fare” è orientato a regalare un sorriso a quei bambini che vivono in istituti o case famiglia.

Parliamo di Angeli Per Un giorno…

Angeli per un giorno è un progetto di volontariato promosso dal Movimento Regnum Christi e dedicato a bambini che vivono situazioni di difficoltà, di disagio, di marginalità o di povertà, in affidamento presso case-famiglia. Nato negli anni 2000 a Roma, il movimento si è poi diffuso in altre parti d’Italia come qui a Milano. In concreto il progetto di volontariato su Milano consiste, per il gruppo degli under 30 del quale faccio parte, nell’organizzare 5-6 giornate ludico ricreative all’anno che, svolte in location particolari quale è stata ad esempio la cascina del WWF alle porte di Milano, vedono i volontari impegnati con i bambini di una delle case famiglia che partecipano al progetto. Accanto a questa attività svolta dai ragazzi, su Milano Angeli Per Un Giorno è presente anche con un gruppo di persone over 30 che si preoccupano di organizzare attività come il baby care e il servizio mensa andando ad essere di supporto a quelle mamme giovani che sono nelle case famiglia. All’interno dell’associazione il mio ruolo è innanzitutto quello di essere volontario assieme ad altri fantastici ragazzi e ragazze con i quali condivido questa bella esperienza e da circa 4 mesi all’essere volontario si è aggiunto il ruolo di responsabile della contabilità che svolgo insieme al responsabile amministrativo del progetto di Angeli Per Un Giorno su Milano.

Immagino che la raccolta fondi sia sempre un problema, a quali risorse ricorrete.

Principalmente donazioni, ma non solo, soprattutto in tempi di crisi abbiamo dovuto cercare altre idee: il fundraising è una di queste, declinata in serate benefiche, come quella in programma Giovedì 27 Novembre presso il Bobino Club Milano (http://www.bobino.it/2014/11/27-novembre-2014/ ). Come avrai ben capito organizziamo, ogni anno, un evento di raccolta fondi che assieme ad altre donazioni di privati, ci permette poi di sostenere dal punto di vista economico le nostre attività. Colgo quindi l’occasione per invitare sia te che lo staff di Vox, a partecipare alla serata di giovedì durante la quale un aperitivo con gli amici può essere un’occasione non solo per conoscere il nostro progetto ma anche e soprattutto per partecipare alla nostra causa considerando che il 20% del fatturato complessivo della serata sarà poi devoluto dal Bobino ad Angeli Per Un Giorno Milano.

C’è un articolo uscito sul Sole24Ore: Negli ultimi tempi, nel mondo anglosassone si è diffuso un movimento chiamato effective altruism (ea), basato sull’idea che ci sia un modo solo di fare il bene: fare i soldi. Il più noto sostenitore dell’ea è Peter Singer il cui ragionamento, in soldoni (letteralmente!), è questo: certi interventi medici nei paesi più poveri mostrano un rapporto chiarissimo fra costi e benefici. Ad esempio, cento euro bastano a curare un bambino malato di tracoma che altrimenti perderebbe la vista nel giro di qualche anno. Secondo i sostenitori dell’ea, questo dà la possibilità di quantificare il bene che si può fare: scegliere la “cosa giusta” diventa quindi semplicemente una decisione razionale, un calcolo.

Beh, dire che senza soldi si può fare del bene è una cosa riduttiva perlomeno poco realistica in quanto, purtroppo, qualsiasi cosa oggi necessità di una quantità più o meno rilevante di denaro. La necessità di disporre delle adeguate risorse economiche destinate a specifiche attività deve però andare di pari passo con un aspetto oggi divenuto non di poco conto che è il tempo. Penso pertanto che le due cose vadano di pari passo nel volontariato e in qualsivoglia altra attività benefica. Mi spiego meglio: il denaro è necessario per fare del bene ma il denaro senza persone che dedicano il proprio tempo per svolgere una determinata attività diventa un semplice strumento privo di valore. Il denaro è un semplice strumento che a prescindere dal suo valore intrinseco può avere più o meno valore se utilizzato per il perseguimento di fini nobili come può essere fare del bene.

Per chi volesse approfondire, partecipare o semplicemente donare, come può fare per mettersi in contatto con voi?

Sicuramente tramite Facebook, dove si può trovare buona parte delle nostre attività svolte e gli eventi futuri, oppure tramite e-mail: mlofiaes@arcol.org, angelixungiorno.milano@gmail.com.

Associazione Vox

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto